Tutti gli articoli di dinosaurocolto

Animali nella notte

Questo eterno girovagare su e giù per le strade buie e deserte di questa notte, mi porta ad analizzare quello che ancora ho da fare.

Sto cercando di stabilire nel silenzio un piano da realizzare.

Mi armo di buoni propositi, di futuri traguardi, e tutto ciò che mi circonda scorre lì, fuori dalla macchina in corsa, come se mi guardasse.

Pretendere di arrivare sempre alla fine mi porta ad un bivio, ma voglio reagire.

Ho freddo e nessuno mi scalda, la pace mi attende al varco come se conoscesse i miei guai.

Ho voglia di tornare a casa, adesso sono stanca e non ho pù voglia di ragionare.

 

di Claudia

Caprifogli

Il bosco si apre all’ombra dei caprifogli

i profumi accolgono il sentimento

alcune fate mi sfiorano il capo rasato

perchè quando la realtà mi sta stretta

come il morso di un caprone

nel tuo grembo natura trovo ristoro

in attesa di una nuova visione.

 

di Amneris

Pensiero della sera

Pensiero della sera

Fuori dal tunnel,

sogno chiappe di fantasia,

corde del dna,

desidero di caduta,

geometria di odio,

sopraffazione di valori,

mascelle della storia,

entroterra di caverne ed odio,

verso avversari e vinti,

immortale conformismo dell’essere ed apparire,

fine della storia sul quaderno,

dottrina di tutto ha un prezzo,

disastro del coraggio e di spargimento di sangue,

del piero e odio per il desiderio infranto,

sudore di pietra e di schiavi ,

guerre di disastro e del nulla e

caduta nel nulla e nel desiderio.

 

Laboratorio Prima Pagina

Dimensione

Dimensione.

E’ una cosa chimica.

Il legame che il mio cervello cerca non è un’invenzione, o una fatale distrazione, ma solo una richiesta di fare l’amore.

Nella mia evoluzione non trovo una facile soluzione.

Mi metto al livello della mia agonia, e cado vittima del terrore, cercando disperatamente di risolvere l’errore.

 

di Claudia

L’invasione

Un confine è un mezzo che puoi scavalcare per fuggire da tutto ciò che ti violenta.

Tutto quello che l’oltre ti sa offrire non sono opportunità e nemmeno collocamento, ma solo repulsione.

Non c’è niente di più facilenche credere che esista il diverso e attraverso l’egoismo fomenta l’intolleranza, l’odio e l’indifferenza.

Molti indifesi chiedono aiuto allo straniero che giace immobile, consapevole della soffererenza nemica.

Esistenze che non si vorrebbero sapere nemmeno da lontano, perchè bisognosi, i poveri pendenti, non hanno niente da offrire e nessuno da arricchire.

 

di Claudia

Kosovar refugees fleeing their homeland. [Blace area, The former Yugoslav Republic of Macedonia]

Gioia

La gioia viene a visitarmi da qualche giorno

quasi a tutte le ore

Non è accaduto nulla in particolare

non so il perchè , mi dice solo che …

non è mia , non è tua

non appartiene a nessuno.

La vedo per le strade mentre …

accende lampioni, esce dai pori

canta canzoni,toglie illusioni

e rende tutte le anime belle

luminose come stelle

 

di Amneris

Felicità

Quanto è inutile e dannoso

insultare, odiare le persone

quando basterebbe capire

in che cosa si vorrebbe riuscire

 

Basterebbe sviluppare forza

capacità e determinazione

agire oltre il timore

prendere delle decisioni

tanto alla fine, peggio di così

non potrà mai andare

tranne che tu voglia ancora farti del male

ma devi prima comprendere

che non hai più nulla da perdere

la paura di esporti in ciò che ti fa bene

si è presa già tutto

la paura di lasciare andare

ciò che ti è ancora caro

anche lo stare male

 

Raccogliere i cocci di se’ stessi

sapere che a volte ci si è frantumati da soli_

anche se qualche volenteroso

ha partecipato al gioco_

non è facile da accettare

 

Riconoscere di essere in qualche cosa incapaci

ma che si può, impegnandosi ,imparare

può fare solo del bene, è la grande guarigione

sana quasi tutte le relazioni

rimuove quasi tutte le incomprensioni

Sinceramente , sono sempre stata conscia di tutto ciò

ma mi sono trovata in questo momento della mia vita

in una società dove sembra tu debba nascere già

con la conoscenza di tutto e disposta ad essere denigrata

dove non puoi essere quello che sei

ma devi fingere di essere qualcuno

ed ho perso la fiducia in me stessa

Insomma ,volevo dire che …

(l’attimo poetico sta tingendosi di rosso)

io voglio essere felice, e credetemi mi basta poco

ma è talmente semplice che

non riesco a farmi capire

o forse , presi dalla loro grandezza

molti non vogliono capirmi

ma questi ultimi un po’ di introspezione non la fanno mai?

Hanno deciso che la devono fare solo quelle o quelli come me?

Hanno deciso che devo sentirmi piccola affinchè loro possano sentirsi immensi?

 

Dopo la lettura di quanto precedentemente scritto

e una non attenta ma istantanea decisione

integro, ma non rigetto le mie frasi di introspezione e comprensione

quel momento quell’attimo è scomparso

ha fatto la sua funzione

quella frustrazione celata giù in fondo sta emergendo

e come direbbero gli inglesi aggiungo e concludo

“Fuck the System”

 

di Amneris

Splendido, splendente

Sara non si sveglia mai di buonumore.

Suono vigliacco e comandante di un nuovo inizio di giornata,

si trova nel limbo vacillante del dormire, del dolce far niente.

Con la voce roca ordina un caffè alla pronta cameriera, che con un dolce sorriso stampato sulla labbra le propina soluzioni facili per la giornata.

Si rifugia clandestinamente in bagno dove di nascosto fuma una sigaretta, giusto per evitare di dover pensare all’oggi, a ciò che deve fare.

Riecheggia nella sua testa lo spazio neutrale del silenzio, ma imperante il tempo svolge il proprio lavoro, e con metodo infallibile scocca il rituale del vestire il suo corpo infreddolito.

Riordina la borsa a tracolla, controlla più volte che ci sia tutto e finalmente è pronta.

Esce di casa sbattendo la porta, e quindi tutto abbia inizio!

 

di Claudia

Venezia che spera, di Andrea Appiani